In evidenza

Alla Camera di Commercio di Pisa il Talent Day Confcommercio Livorno-Pisa

TALENT DAY 2024 - Adesione imprese

Le imprese possono partecipare all'iniziativa compilando il modulo allegato.Info: Alessio Schiano, turismo@confcommerci&...

Leggi

SIMEST – Contributo a fondo perduto per le Imprese esportatrici

Il FONDO SIMEST ha istituito un contributo a fondo perduto a copertura dei danni materiali diretti subiti delle Imprese esportatrici localizzate nei territori colpiti dagli eventi allu...

Leggi

Un progetto nazionale Confcommercio

IMPRENDIGREEN, IL VALORE DELLA SOSTENIBILITA'

Confcommercio offre agli associati il riconoscimento di comportamenti ambientalmente virtuosi e di buone pratiche in chiave sostenibile. L'iniziativa nazionale assegna un marchio per tre diversi livelli di eccellenza (t...

Leggi

Archivio

In evidenza

COMMERCIO AL DETTAGLIO. SOSTEGNI 2022

Il Ministero dello sviluppo economico ha reso operativo il Fondo dedicato al rilancio delle attività economiche di commercio al dettaglio colpite dall’emergenza Covid, previsto dal Dl Sostegni ter, con il quale vengono messi a disposizione 200 milioni di euro per il 2022.

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dal MISE le attività al dettaglio con fatturato 2019 non superiore a 2 milioni di euro che:

  • svolgono in via prevalente attività con codice Ateco: 47.19, 47.30, 47.43, tutte le attività dei gruppi 47.5 e 47.6, 47.71, 47.72, 47.75, 47.76, 47.77, 47.78, 47.79, 47.82, 47.89 e 47.99;
  • hanno subito una riduzione del fatturato nel 2021 non inferiore al 30% rispetto al 2019;
  • hanno sede legale/operativa nel territorio dello Stato e risultano regolarmente costituite, iscritte e attive nel Registro delle imprese.

L’importo del contributo a fondo perduto dal 40 al 60% è determinato applicando alla differenza tra l’ammontare medio mensile dei ricavi relativi al periodo d’imposta 2021 e l’ammontare medio mensile dei ricavi riferiti al periodo d’imposta 2019

In caso di richieste totali superiori allo stanziamento ministeriale di 200 milioni di euro, il contributo viene ridotto proporzionalmente tra le imprese ammissibili.

Le domande di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate dalle ore 12:00 del 3 maggio 2022 e sino alle ore 12:00 del 24 maggio 2022.

Per informazioni:
Sabrina Pucci 344/2544138 s.pucci@centrofidi.it
Daniela Salvi 344/2564258 d.salvi@centrofidi.it

 

In evidenza
Decreto energia: le novità sui crediti d'imposta per le imprese

BONUS ENERGIA

Per i clienti Centro Impresa contattare il consulente di riferimento.
I soci Confcommercio possono inviare una email per info e appuntamento a Mirko Papi: m.papi@cciol.it

 

BONUS ENERGIA ELETTRICA PER LE IMPRESE NON ENERGIVORE
Il Decreto Energia 2022 all’articolo 3, prevede un credito d’imposta per le imprese non energivore pari al 12% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica effettivamente utilizzata nel secondo trimestre del 2022.

A CHI SPETTA
Il bonus energia elettrica imprese non energivore spetta alle imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW, diverse dalle imprese a forte consumo di energia elettrica (imprese energivore). La tax credit viene riconosciuta qualora il prezzo della spesa dichiarato, calcolato sulla base della media riferita al primo trimestre 2022, abbia subito un incremento del costo per kWh superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019.

MODALITÁ DI FRUIZIONE
Il credito di imposta va usato in compensazione in via esclusiva. Non concorre alla formazione del reddito d’impresa, né della base imponibile IRAP; inoltre è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto.



BONUS GAS PER LE IMPRESE NON GASIVORE
Il credito d’imposta per le imprese non a forte consumo di gas naturale previsto dal Decreto Energia è pari al 20% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas, consumato nel secondo trimestre solare dell’anno 2022, per usi energetici diversi dagli usi termoelettrici.

A CHI SPETTA
Il tax credit spetta alle imprese non a forte consumo di gas naturale. Viene erogato qualora il prezzo di riferimento del gas naturale, calcolato come media, riferita al primo trimestre 2022, dei prezzi di riferimento pubblicati dal Gestore dei mercati energetici (GME), abbia subito un incremento superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019.

MODALITÁ DI FRUIZIONE
Tale credito, come gli altri, è utilizzabile esclusivamente in compensazione, non concorre alla formazione del reddito d’impresa, né della base imponibile IRAP. Può essere cumulato con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto.


BONUS IMPRESE A CONSUMO NORMALE: LA CESSIONE DEL CREDITO
I crediti d’imposta relativi ai consumi per imprese non energivore e non gasivore, previsti dagli articoli 3 e 4 del Decreto Energia, sono cedibili ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. Sono escluse successive cessioni, tranne che in specifiche ipotesi, come in caso di Superbonus 110 % 2022. Sono possibili due ulteriori cessioni solo se effettuate in favore di:

  • banche e intermediari finanziari
  • società appartenenti a un gruppo bancario
  • imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia

Il termine per la cessione del credito è fissato al 31 dicembre 2022.

 

In evidenza
Ordinanza del Ministero della Salute del primo aprile 2022

Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 79 del 4 aprile 2022, l'ordinanza del Ministro della Salute, Roberto Speranza, adottata ai sensi dell’articolo 10 -bis, del DL 52/2021, contenente le nuove "Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali".

Le attività economiche e sociali possono trovare le linee guida generali e le schede particolari per i propri settori su confcommercio.it

 

Per informazioni 0586/1761011.

In evidenza
SEMINARIO INFORMATIVO IN CONFCOMMERCIO LIVORNO IL 22 APRILE 2022

FONDO IMPRESA FEMMINILE

Il fondo si rivolge alle imprese femminili e alle lavoratrici autonome.
Confcommercio organizza a Livorno, in via Serristori 15, un seminario introduttivo il 22 aprile dalle 9:00 alle 11:00. Seguono colloqui individuali.
E' obbligatoria la registrazione, sia per il seminario, sia per i colloqui.
Per informazioni: stampa@confcommercio.li.it

 
 
 
 
FONDO IMPRESE FEMMINILI
Il fondo si rivolge alle imprese femminili con le seguenti caratteristiche:
  • società cooperativa e società di persone in cui il numero di donne socie rappresenta almeno il 60% della compagine sociale;
  • società di capitali le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai 2/3 a donne e i cui organi di amministrazione siano composti per la stessa misura da donne;
  • l’impresa individuale la cui titolare sia una donna;
  • la lavoratrice autonoma.
Oltre ad alcune azioni per la diffusione della cultura e per la formazione imprenditoriale femminile (ad esempio nella scuole e nelle università), la misura prevede la concessione di agevolazioni a fronte di programmi di investimento per la costituzione, lo sviluppo o il consolidamento di imprese femminili nei settori, tra gli altri, del commercio, del turismo, nonché della fornitura di servizi in qualsiasi settore, con due diverse linee di intervento:

  • Incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili
    ​Potenziali beneficiari:
    (i) imprese femminili costituite da meno di dodici mesi;
    (ii) lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da meno di dodici mesi;
    (iii) persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa femminile.
Forma e misura delle agevolazioni: le agevolazioni assumono la sola forma del contributo a fondo perduto per un importo massimo pari a:
(i) 80% delle spese ammissibili e comunque fino a euro 50.000, per i programmi di investimento che prevedono spese ammissibili non superiori a euro 100.000;
(ii) 50% delle spese ammissibili, per i programmi di investimento che prevedono spese ammissibili superiori a euro 100.000 e fino a euro 250.000
Termine per la presentazione della domanda: la compilazione della domanda, è possibile dalle ore 10:00 del 5 maggio 2022 e la presentazione a partire dalle ore 10:00 del 19 maggio 2022.

  • Incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili
    Potenziali beneficiari:
    (i) imprese femminili costituite da almeno dodici mesi;
    (ii) lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da almeno dodici mesi

Forma e misura delle agevolazioni: le agevolazioni assumono la forma sia del contributo a fondo perduto sia del finanziamento agevolato e sono articolate come di seguito indicato:

(i) per le imprese femminili costituite da non più di 36 mesi, le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell'80% delle spese ammissibili, in egual misura in forma di contributo a fondo perduto e in forma di finanziamento agevolato;
(ii) per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi, le agevolazioni sono concesse come al punto precedente in relazione alle spese di investimento, mentre le esigenze di capitale circolante sono agevolate nella forma del contributo a fondo perduto.
Termine per la presentazione della domanda: la compilazione della domanda è possibile dalle ore 10:00 del 24 maggio 2022 e la presentazione a partire dalle ore 10:00 del 7 giugno 2022.

 

Per entrambe le linee di intervento, le domande dovranno essere compilate esclusivamente per via elettronica, utilizzando la procedura informatica che sarà messa a disposizione sul sito di Invitalia. Le domande di agevolazione saranno valutate da Invitalia secondo l’ordine cronologico di presentazione, sulla base della data e dell’orario di invio telematico risultante dalla ricevuta di presentazione rilasciata dalla procedura informatica.
Per informazioni:
Sabrina Pucci 344/2544138 s.pucci@centrofidi.it
Daniela Salvi 344/2564258 d.salvi@centrofidi.it

 

In evidenza
Digitalizzazione del settore

CCIAA. BANDO PER IMPRESE DELLA SOMMINISTRAZIONE E RISTORAZIONE

La Camera di commercio della Maremma e del Tirreno sostiene la digitalizzazione del settore della somministrazione e ristorazione.
Possono beneficiare delle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese, loro cooperative e consorzi, rientranti nella definizione di PMI e operanti nei seguenti ambiti:
- Ristorazione con somministrazione
- Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole
- Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto
- Gelaterie e pasticcerie
- Gelaterie e pasticcerie ambulanti
- Ristorazione ambulante
- Ristorazione su treni e navi
- Catering per eventi, banqueting
- Mense
- Catering continuativo su base contrattuale
- Bar e altri esercizi simili senza cucina

Il bando prevede l’erogazione di un voucher a fondo perduto pari al 50% delle spese sostenute e ritenute ammissibili (al netto di IVA) e comunque fino ad un massimo di € 3.000.

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 01 gennaio 2022 e fino al 30 novembre 2022, rientranti nelle seguenti categorie:
a) spese di ideazione grafica, progettazione e realizzazione di menù digitali;
b) realizzazione e/o aggiornamento sito internet multilingue;
c) servizi di digital marketing per prenotazioni/vendite on line;
d) spese per la promozione digitale della propria attività;
e) dispositivi ed applicativi per la gestione del servizio di somministrazione e ristorazione;
f) spese per la formazione e riqualificazione delle risorse umane, nel limite del 5% dell’investimento effettuato.

Le domande di contributo devono essere presentate esclusivamente tramite invio TELEMATICO dal sito web www.registroimprese.it a partire dalle ore 10 del 28 marzo 2022 sino alle ore 23.59 del 30 novembre 2022, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse.


Per informazioni:
Sabrina Pucci 344/2544138 s.pucci@centrofidi.it
Daniela Salvi 344/2564258 d.salvi@centrofidi.it

In evidenza

APERTO IL BANDO INCENTIVI IMPRESE FEMMINILI E GIOVANILI

E' aperto il bando per gli incentivi rivolti alle imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne. 
I requisiti di accesso e le modalità di presentazione non sono variate e la domanda si presenta solo online tramite la piattaforma di Invitalia. Lo sportello resterà aperto fino ad esaurimento delle risorse. 
Per informazioni:
Sabrina Pucci 344/2544138 s.pucci@centrofidi.it
Daniela Salvi 344/2564258 d.salvi@centrofidi.it

In evidenza

MOLTO CON POCO. AIUTI ALL'UCRAINA

Donazioni: IT81D0503414011 00000000 8279


MATERIALE SANITARIO
Kit per sutura e trattamento ferite, bisturi monouso sterili, ghiaccio instantaneo, acqua ossigenata, disinfettanti, iodio, deflussori, flebo, cateteri venosi, cerotti larghi, garze larghe, Coban, bende (coesiva, orlata, elastica, oculare, all'ossido di zinco), bendaggio d'emergenza, garze con Betadine, flaconi di Betadine, siringhe 5 ml/10ml/20ml, Metalline.
ALIMENTI
Latte in polvere, omogeneizzati, biscotti, farina di mais, zucchero, pasta, riso, legumi, latte, pelati, scatole di tonno e carne.
IGIENE
Sapone, dentifricio, assorbenti, pannolini per bimbi, carta igienica, disinfettanti, cerotti, prodotti pulizia casa.
ALTRO
Sacchi a pelo e coperte pesanti
Cibo per cani e gatti

 NO VESTITI - NO VETRO

 

DOVE?

-MISERICORDIA-
LIVORNO ANTIGNANO, via Mondolfi, 148
PISA, via Gentile da Fabriano, 1/A
PONTEDERA, via Valtriani, 30
CASCINA, via Palestro, 23
VOLTERRA, piazza S. Giovanni, 2

 

-PUBBLICA ASSISTENZA-
LIVORNO, via San Giovanni 30
PISA, via Bargagna 2
MIGLIARINO (Vecchiano), via Fucini 59
ARENA METATO, via Turati 23b
PONTASSERCHIO, via De Gasperi 59
GELLO, via Matteotti 59
SAN GIULIANO TERME, via M. L. King 3
ASCIANO, via Possenti 27
AGNANO, via XXV Aprile
CAMPO, via Marconi 56
RIGLIONE (Pisa), via Fiorentina 26

 

-CARITAS-
LIVORNO, via La Pira 9 C

 

-CROCE ROSSA-
PISA Ospedaletto, via Panfilo Castaldi 1
SAN GIOVANNI ALLA VENA, via Garibaldi
Solo qui vestiti e abbigliamento, rigorosamente nuovi

 

-COMUNITA' DI SANT'EGIDIO-
Medicinali e materiale sanitario
In particolare hanno urgente bisogno di: antipiretici compresse, antipiretici adulti e bambini (Paracetamolo), antibiotici fiale compresse e sciroppo, diuretici compresse, antinfiammatori fiale compresse e sciroppo, antispastici compresse, antiasmatici compresse, antistaminici compresse, cortisonici compresse e fiale, antidolorifici compresse e fiale, materiali per medicazioni (garze, disinfettanti, cerotti, ovatta).
Dove portare il materiale sanitario:
Via Carraia 6 - Livorno: ogni Sabato e Domenica 16:30-18:30
Piazza Saragat 1 ex circoscrizione, Corea: ogni Sabato 16:30-18:30
Per informazioni: 0586/211893 - santegidiolivorno@gmail.com

 

In evidenza
Scaricate la locandina per la vostra vetrina

NO ALLA GUERRA

Tabaccherie, bar, ristoranti, negozi di ogni tipo di Livorno e provincia espongono la locandina di Confcommercio "No alla guerra!"

"La guerra in Ucraina oltre ad averci lasciato ammutoliti per il dramma di una popolazione a due passi da casa nostra, ci fa sentire fragili e vulnerabili ancor più di quanto abbia fatto il Covid" spiega la presidente della Confcommercio provinciale Francesca Marcucci. "Ci uniamo quindi per riaffermare le ragioni della democrazia e del diritto internazionale e dare un segnale di partecipazione e vicinanza alle popolazioni colpite dal conflitto e ai tanti ucraini che lavorano sul nostro territorio".

"Siamo di fronte a una tragedia umanitaria che avrà conseguenze serissime anche sulla nostra economia già duramente colpita da due anni di pandemia. Il minimo che possiamo fare è dire con forza "no alla guerra, sì alla pace".

Scarica la locandina ed esponila in vetrina.

 

In evidenza
Confcommercio è con gli imprenditori e lavorerà per soluzioni sostenibili e condivise

DISORDINI DELLA MALAMOVIDA A LIVORNO. SOSPESI I PROVVEDIMENTI DI CHIUSURA LOCALI

Dopo l'avvio dei provvedimenti di chiusura di 4 bar tra via Roma, via Marradi e via Cambini, Confcommercio ha incontrato la Questura per trovare soluzioni alternative. I provvedimenti per adesso sono stati sospesi.
"Come Confcommercio possiamo fare la nostra parte in azioni positive che educhino al rispetto e a un divertimento più sano, ma chiudere temporaneamente i locali significa scaricare sugli imprenditori (che pagano il 70% di tasse) problemi che hanno una radice ben più profonda e che avrebbero bisogno di interventi più mirati e significativi".

L'articolo apparso su Il Tirreno del 3 febbraio 2022.

L'interevento del direttore provinciale Confcommercio Federico Pieragnoli

In evidenza
Scarica e stampa i cartelli: è obbligatorio per legge!

CARTELLI ATTUALMENTE IN VIGORE PER NEGOZI, PUBBLICI ESERCIZI ECC.

Cartello negozi e attività NON alimentari e NON esigenze essenziali e primarie della persona

Cartello Pubblici Esercizi - obblighi della clientela

Pubblici esercizi Super Green Pass

Parrucchieri, barbieri e nei centri estetici